You cannot copy content of this page

Un buon maestro cerca sempre e soltanto la crescita del suo allievo

I peggiori maestri sono quelli che pensano di dover essere più bravi dei loro allievi, sempre e comunque. Così facendo compiono un errore terribile, quello di considerare i propri allievi come una minaccia.

Cerchiamo di essere chiari.
Ovviamente il maestro è una figura che deve essere più abile dell’allievo sotto molteplici profili. Questo però non vuol dire che deve e dovrà esserlo sempre ed in ogni ambito.

I peggiori maestri vedono nei propri allievi una minaccia.

Qual è il compito dell’insegnante? Qual è lo scopo dell’insegnamento?
Pensare che un insegnante, istruttore o maestro debba essere sempre migliore del proprio allievo introduce una contraddizione nel processo stesso d’insegnamento.

L’insegnante non è una macchina fotocopiatrice né un creatore di “operatori”, manco fossero dei robot costruiti in serie.

L’insegnante è una figura capace di tirare fuori il meglio dalla persona a cui insegna e questo vuol dire, sicurissimamente, lavorare per farsi superare.

Il miglior maestro lavora perchè l’allievo diventi indipendente, il peggior maestro perchè resti sempre dipendente.

… e qualche volta anche “un dipendente”… ma questa è un’altra storia.
L’errore di fondo sta nel pensare all’insegnamento e al percorso delle arti marziali, sport da combattimento o sistema di difesa personale come qualcosa di rigido in cui le figure che ne prendono parte sono immutabili.
… ma nulla che possa essere usato nella realtà può avere queste caratteristiche! 😀

Che ne pensi? Condividi questo articolo per discuterlo con i tuoi amici oppure lascia un commento qua sotto!

Altri video?
Li trovi a questo link

Oppure vai agli articoli che ho scelto per te!

Quando è meglio iniziare a fare Krav Maga?

L’errore di cercare soluzione a tutto nella difesa personale

Lo sporco trucco dei maestri sleali per farti iscrivere